Il boom dei coupon online: lo shopping anti-crisi si fa con voucher e codici sconto, ecco dove trovarli

di | Settembre 25, 2019

Coupon sconto e il fenomeno del couponing, la raccolta maniacale di coupon con un unico scopo: il risparmio. Dalle nostre parti non siamo certo ai livelli degli Stati Uniti ma coupon e i voucher promozionali rappresentano un vero e proprio antidoto alla crisi per chi non perde occasione di risparmiare sugli acquisti che fa.

Il primissimo buono sconto della storia venne rilasciato nel 1887 dal manager della Coca-Cola Asa Candler che ebbe l’incredibile intuizione di mandare via posta 8,7 milioni di buoni, con la speranza che provato il prodotto gratuitamente la sua notorietà sarebbe cresciuta di conseguenza.

Spinte dallo straordinario successo dell’azienda di Atlanta molte altre compagnie decisero di adottare il coupon come mezzo pubblicitario alternativo. Nella grande depressione americana degli anni 30′ i voucher ebbero un’espansione esponenziale, permettendo a tutte quelle famiglie flagellate dalla crisi di ottenere interessanti margini di risparmio, soprattutto su beni di prima necessità.

Oggi il business dei voucher promozionali ha un giro d’affari che raggiunge i 52 miliardi di euro, e secondo i più noti analisti è un settore in forte espansione.

Ma cosa rende il buono sconto così interessante? Si tratta innanzitutto di un mezzo semplice che, diversamente dagli altri sistemi pubblicitari, garantisce un vantaggio istantaneo sull’acquisto di prodotti e servizi. Questo vantaggio viene equamente ripartito tra il venditore che così facendo pubblicizza i suoi prodotti riducendone il prezzo e il compratore che acquista un bene ad un costo inferiore a quello di mercato.

Fino a poco tempo fa i buoni promozionali erano reperibili esclusivamente in forma cartacea, principalmente su rivisti e quotidiani.

Per aumentare il loro campo d’azione le aziende hanno incominciato, un decennio fa, a distribuire voucher promozionali anche su internet. La grande intuizione in questo settore, paragonabile a quella avuta dal presidente della Coca-Cola due secoli fa, è stata introdurre pagine web specializzate nella catalogazione e raccolta di buoni sconto. Da quel momento, non è più il coupon a cercare il cliente ma viceversa.

Questi siti offrono miriadi di buoni promozionali, collaborano con un vasto numero di imprese, dalle grandi multinazionali alle imprese a gestione famigliare. Spinti dalla crescente crisi economica, negli ultimi due anni, molte imprese hanno iniziato ad utilizzare questo sistema di marketing ottenendo risultati sorprendenti in termini di crescita.

Chi ottiene vantaggi maggiori dal settore è il consumatore che nonostante la generalizzata e progressiva perdita del potere d’acquisto, non vuole rinunciare alle vacanze, ai ristoranti, ai prodotti di bellezza, ecc.

Data l’alta diffusione di questi siti internet è facile immaginare come in futuro, spinte dalla crescente competizione, le aziende possano portare al rialzo le percentuali di sconto dei propri voucher.

Ultima novità in questo campo sono le applicazioni per smartphone che individuano automaticamente la presenza di buoni promozionali appena si varca la soglia di un negozio. Una volta trovato il coupon, questo viene letto direttamente dallo schermo del telefono.

Al riguardo seguiremo con interesse l’evoluzione dei mercati nei prossimi anni che nonostante la forte crisi economica riescono a creare dei sistemi, altamente ingegnosi, che permettono di riattivare gli ingranaggi dell’economia reale.

A questo proposito tenete d’occhio vouchercloud, sito internet che offre codici promozionali, coupon stampabili e sconti su prodotti e servizi che ha anche un’app di voucher mobile per smartphone completamente gratuita.