U.S.d. Castiglionese: quest’anno puntiamo a una salvezza serena

L’U.S.d. Castiglionese, con tutto il suo settore giovanile, è una delle quattro squadre che ha stretto il nuovo rapporto di affiliazione con l’U.S. Arezzo. Una collaborazione che prevede uno stretto rapporto fra le due società, nella logica della crescita tecnica dei giovani, che avranno la possibilità, se lo meriteranno, di essere le oprime scelte della società amaranto, nella formazione delle rose delle squadre giovanili per i prossimi anni. L’accordo riguarda i bambini delle squadre Primi Calci, Pulcini ed Esordienti. Ed è stato Mario Agnelli il punto di contatto fra le due società, una del paese di cui è sindaco, l’altra quella del capoluogo.

Sono oltre 200 i bambini e i ragazzi che compongono il settore giovanile dell’U.S.d. Castiglionese, suddivisi in tante squadre, per tutti i livelli di età, a partire dai Piccoli Amici, con due divrse formazioni, gli Esordienti, coon addirittura tre diverse squadre, e poi Esordienti, Giovanissimi e Allievi, con due squadre per ogni età. Solo per la formazione Juniores, fra tutte quelle del settore giovanile, l’U.S.d. Castiglionese ha scelto di privilegiare il livello qualitativo, iscrivendo al campionato una sola formazione.

Tutte queste squadre del settore giovanile, necessitano di tante differenti strutture, per poter giocare le proprie partite ed allenarsi in modo completo, come l’alto livello delle competizioni richiede. I campi a disposizione del settore giovanile gialloviola sono quelli storici del calcio castiglionese, primo fra tutti lo Stadio Faralli, che ha già ospitato due amichevoli dell’Arezzo, contro Al Ahli e Pontedera, nel corso di
questa calda estate di preparazione. Al campo principale dello stadio, è stato aggiunto un ulteriore campetto di allenamento, che permette agli allenatori di far lavorare e prepararsi i propri ragazzi. Ma non può essere sufficiente, e le squadre si dividono anche lo storico campo della “Spiaggina”, e lo scorso anno anche quello di Manciano, la cui convezione è ancora in fase di rinnovo per questa nuova stagione. Le gare ufficiali vengono invece giocate solo in due dei campi utilizzati per gli allenamenti: Allievi, Giovanissimi ed Esordienti giocano le loro partite ufficiali proprio alla “Spiaggina”, mentre piccoli amici e pulcini giocano sul campo dei grandi, quello dello Stadio Faralli, visto che le gare di queste categorie sono sempre infrasettimanali. Allo stadio vengono disputate invece le gare della formazione Juniores, e soprattutto della prima squadra, allenata da Stefano Cardinali, vecchia conoscenza del calcio aretino, essendo stato prima il secondo di Mezzanotti, poi il primo allenatore della fase finale della stagione, culminata con il successo a Taranto, proprio con Cardinali in panchina, che ha significato ripescaggio in virtù della graduatoria conseguita proprio in Puglia.

Cardinali è il tecnico che il Presidente Roberto Cirelli ha scelto a dicembre dello scorso anno, quando la squadra si trovava ultima iin classifica e a serio rischio retrocessione: “Nella scorsa stagione avevamo sottovalutato quello che sarebbe stato il campionato di Eccellenza” – ha commentato proprio Cirelli parlando delle attese per la stagione che va ad iniziare – “Venivamo dalla vittoria nel campionato di Promozione, e abbiamo affrontato il girone di andata convinti che avremmo potuto affrontare anche l’Eccellenza mantenendo la maggior parte della rosa. Avevamo sottovalutato il livello del girone, e ci siamo ritrovati con soli 7 punti. Abbiamo a quel punto scelto di cambiare, e abbiamo messo Stefano Cardinali alla guida di una squadra che abbiamo rinnovato immediatamente, per metterla in condizioni di ottenere i risultati che sono poi arrivati. Salvezza ottenuta dopo i play-out, e girone di ritorno chiuso con 34 punti, con un ruolino di marcia quasi da prime della classe. Quest’anno vogliamo raggiungere una salvezza tranquilla prima possibile”.

“Per la nostra attività sono tatissime le persone che dobbiamo ringraziare” – ha concluso il Presidente Cirelli – “il coordinatore del settore giovanile, Stafnno Frescucci, che ad Arezzo tutti ricordano, come anche Piero Rossi, altra pedina essenziale. Soprattutto però dobbiamo ringraziare Marco Menci, il nostro Main Sponsor, che è stato anche Presidente di questa società, e senza il quale non potremmo fare l’attività che facciamo”

X