Presentati i due nuovi acquisti, Benedetti e Sabatino in sala stampa

Hanno partecipato anche il DG Riccioli, il DS Ciardullo, Brandini Dini e Panfili, alla conferenza stampa di questa mattina, nel corso della quale sono stati presentati i due nuovi acquisti amaranto. Il primo, Sergio Sabatino, è in realtà di ritorno, dopo aver chiuso con l’Arezzo la scorsa stagione e aver giocato la prima parte di questa ad Agrigento, con la maglia dell’Akragas. L’altro, Alessio Benedetti, è arrivato ad Arezzo con la formula del prestito dalla Cremonese, che ne detiene il cartellino, con un altro anno di contratto da rispettare.

“Due giocatori su cui puntiamo molto” – ha detto il DS Ciardullo presentandoli alla stampa presente alla conferenza si questa mattina – “e che confermano quanto sia tutt’ora in piedi il nostro progetto e quanto seriamente stiamo già agendo sul mercato. Sono entrambi disponibili da subito per giocare, anche se Benedetti sta rientrando da un lieve infortunio patito a metà dicembre, per il quale forse dovremo aspettare la prossima gara di Santarcangelo per considerarlo realmente disponibile”.

“L’esperienza della seconda metà dello scorso campionato qui ad Arezzo è stata molto positiva, e mi sono trovato benissimo” – ha detto Sabatino presentandosi per la seconda volta ai giornalisti aretini – “l’errore è stato non trovare l’accordo questa estate, ma per fortuna io e l’Arezzo ci siamo già ritrovati. Sono pronto per giocare e disponibile, visto che ho giocato sempre nella prima metà della stagione, ma starà al mister decidere se impiegarmi”.

“Sono contento di essere arrivato ad Arezzo” – ha commentato Alessio Benedetti salutando i presenti – “A Cremona non stavo trovando spazio, nonostante abbia sempre fatto bene. Posso giocare sia come regista che come intermedio di centrocampo. Ad Arezzo sono venuto perchè qui il progetto è importante come la piazza. Spero di poter dare fin da subito il mio contributo, anche perchè abbiamo già due partite importantissime per uscire dalle zone calde della classifica, e ricominciare a lavorare con serenità e tranquillità”.

“Il mercato amaranto non si ferma qua” – ha detto poi Ciardullo parlando di entrate e uscite – “i nomi sono già usciti sui giornali, quindi non serve nascondersi dietro un dito, ma dobbiamo tener presente gli obblighi della rosa, e rispettare le quote di over e under per l’accesso ai contributi. Esposito è un giocatore fuori discussione, se fosse per noi lo tessereremmo subito, ma dobbiamo aspettare di capire le reali condizioni di Defendi. Se starà bene saremo a posto con l’attacco, e potremo quindi prendere anche lui, anche in prospettiva futura per il prossimo anno”.

Per la prima volta dall’assunzione delle nuove funzioni, era presente anche il nuovo Direttore Generale Andrea Riccioli: “Per adesso continuerò a ricoprire anche il ruolo, che avevo fino ad oggi, di Responsabile del Marketing” – ha spiegato il nuovo DG – “ma questo è solo il primo cambiamento in un organigramma che vedrà presto altri ingressi, soprattutto di esperienze e professionalità. Molto presto, spero fra pochi giorni, potremmo annunciare nuove novità realmente importanti, soprattutto per quello che riguarda la programmazione del settore giovanile, anche perchè io sono da sempre convinto, e le grandi società ce lo insegnano, che per fare calcio occorre partire dal basso, fino dai primi calci”.

“Quello che ad Arezzo è sempre mancato, e chi ha qualche anno in più lo può testimoniare, è la fidelizzazione dei ragazzi fino da piccoli” – ha spiegato il Responsabile della Comunicazione Stefano Brandini Dini – “da noi, salvo alcuni casi di formazioni che hanno fatto molto bene, il settore giovanile è sempre stato trascurato. Quello che vorremmo arrivare a vedere è il bambino con la borsa ufficiale dell’U.S. Arezzo, come accade nelle piazze importanti”.

X