Ottavo successo per la Berretti, sconfitti gli Allievi, pareggio esterno per i Giovanissimi

Weekend dolce-amaro per il settore giovanile amaranto. Una vittoria, un pareggio e una sconfitta, in una due giorni di derby, che ha visto la ciliegina sulla torta dalla solita Berretti di mister Alessandria, impegnata nella difficile trasferta di Siena. Doppio confronto con i pari età del Pisa invece, per le altre due formazioni amaranto.

BERRETTI
Sul sintetico di Acquacalda, la capolista ha giocato meno bene del solito, fornendo forse la peggiore prestazione dall’inizio del campionato, ma riuscendo comune, con caparbietà, a portare a casa il risultato che contava: l’ottava vittoria consecutiva e i 24 punti dopo otto giornate. Decisiva la rete di Benucci nel secondo tempo, bravo a credere all’errore dell’estremo difensore senese, e abile a sfruttarlo nel miglior modo possibile. Leggi il resoconto e la fotogallery di Siena-Arezzo 0-1

ALLIEVI NAZIONALI
AREZZO
Margherito, Barellini, Perugini, Paradiso, Mucciarelli, Ravanelli, Gerardini, Capogna, Prezioso, Ricci, Aramini
A disposizione: Becattini, Castiglia, Pazzaglia, Caselli, Parlangeli, Aguzzi, Duri, Salvestroni, Celli
All. Alessandro Violetti

PISA
Maffucci, Birindelli, Ghelardini, Balduini, Salvi, Castellacci, Borgioli, Grandoni, Onnis, Adami, Bertoni
A disposizione: Bruno, Materazzi, Mussi, D’Alessandro, Mastagni, Faraoni, Pietranera, Maestrini
All. Luca Guerra

Arbitro: sig. Gianfranco Capezzi (Valdarno)

Sconfitta in casa per 2-0 degli Allievi nazionali dell’Arezzo sul campo de La Nave a Castiglion Fiorentino. Sconfitta arrivata al termine di una partita molto equilibrata, decisa da episodi che hanno fatto girare l’ago della bilancia verso gli ospiti che si sono presentati con il ruolo di capolista confermato ora in solitaria con questa vittoria. Ma il punteggio punisce eccessivamente la buona prestazione amaranto, che non ha fatto certo notare la differenza in classifica, ma che purtroppo è stata compromessa dalla scarsa vena sottoporta. Il vantaggio del Pisa, a proposito di episodi, arrivava in mischia di testa, un po’ fortunoso, al 20’ del primo tempo, quando Balduini approfittava di una palla vagante in area a seguito di una distrazione difensiva dell’Arezzo e infilava di testa la porta amaranto. Il tutto dopo che l’Arezzo nel primo tempo ha avuto la possibilità di passare in vantaggio almeno in due ottime occasioni. Stesso andamento nella ripresa, con equilibrio e occasioni da una parte e dall’altra, poi vanificate da un gol in mischia del pisano Mussi. A quel punto la reazione dell’Arezzo diventa furiosa quanto sfortunata ma il forcing finale dei giovani di Violetti non dava ulteriori risultati e la partita si chiudeva sul 2-0 per il Pisa. Ora si lavorerà in casa amaranto per un pronto riscatto nella prossima partita non certo facile sul difficilissimo campo del Bologna.

GIOVANISSIMI NAZIONALI
PISA
Lo Bosco, Giomi, Landucci, Fatticcioni, Cecci, Galligani, Balestri, Freschi, Salvaggio, Campigli, Nannipieri
A disposizione: Giannangeli, Viti, Pieragnoli, Bechini, Castaldo, Socci, Colombai, Magrini, Malih
Allenatore: sig. Francesco Macrì

AREZZO
Cristoforetti, Fabbri, Meoni, Pezzola, Guasticchi, Tralci, Neri, Bassini, Agati, Capitano, Scarpini
A disposizione: Casini, Fazzuoli Joupay, Calussi, Colonna, Farsetti, Leonessi, Nocentini
Allenatore: sig. Andrea Tuzzi

Arbitro: sig. Edoardo Bo (Livorno)

Partita spettacolare  e densa di occasioni da goal, da ambo le parti, quella giocata in trasferta a Pisa dai Giovanissimi Nazionali amaranto, allenati da Andrea Tuzzi. I nerazzurri hanno cercato più volte di andare in porta con azioni manovrate, mentre i ragazzi in maglia amaranto hanno sfruttato preferibilmente le conclusioni da fuori, forti delle doti balistiche di cui dispongo. Il risultato è stato sbloccato dai padroni di casa ad inizio ripresa, nel corso di una incredibile mischia nell’area di Cristoforetti, con il pallone che è finito nel sacco nonostante i tentativi di opposizione. Il pareggio è arrivato proprio con una conclusione dalla distanza, con Meoni che è andato alla conclusione dai 30 metri, di prima intenzione su calcio di punizione, centrando l’angolo alto e il goal che è valso il punto.

 

X