Mister Pavanel: “Con il Pontedera partita difficilissima. Gli uomini liberi si prendono le responsabilità e noi dobbiamo essere pronti”

Dopo il successo di Vercelli con l’Alessandria torna a parlare in conferenza stampa mister Massimo Pavanel riguardo al turno casalingo che vedrà gli amaranto affrontare il Pontedera.
Assenze: “Si, avremo delle assenze, ma ciò che mi preoccupa di più è trovare gli equilibri a prescindere dagli uomini. Qualcuno si dovrà adattare con il Pontedera, come del resto hanno fatto Di Nardo e Varga contro l’Alessandria”.
La partita di Alessandria: “A dire la verità non abbiamo nemmeno avuto il tempo di metabolizzare questa vittoria e ragionandoci bene non credo sia poi un grande male. La prestazione di Yebli? E’ un calciatore che può fare tutti i ruoli a centrocampo, ma deve allenarsi in maniera differente e non dico migliore, ma solo diversa. Ha il suo futuro in mano. Gli uomini liberi si prendono le responsabilità”.
L’esultanza a fine partita: “Credo molto nelle emozioni. Faccio quello che sento, sempre ed in tutto. Intanto pensiamo a vincerne altre così alle esultanze vorrà dire che ci penseremo”.
Il Pontedera: “Sarà una gara difficilissima perché hanno giocatori importanti, ma non dobbiamo scordarci che noi abbiamo grande qualità. E’ una gara che dobbiamo gestire al meglio. Di Santo? L’ho visto bene e sarà convocato. Conto molto sulla sua voglia ed esplosività. Al momento però non possiamo perdere uomini per la strada e per questo devo essere cauto nell’utilizzo”.
Di Nardo, Cellini e il mercato: “Ad Antonio (Di Nardo) ho detto che il difficile viene ora. E’ un giocatore che conosco bene e non è una scoperta. Ha fatto tutto ciò che doveva fare con una mole di corsa incredibile dimostrando grande maturità. Cellini sta migliorando lentamente e in maniera costante. Lo aspetto perché quando avremo l’attacco al completo il parco attaccanti diventerà una grande arma a nostra disposizione. Del mercato abbiamo parlato prima però è necessario avere tutti a disposizione per valutare serenamente tutti. Non vogliamo prendere un giocatore tanto per dire di averlo preso”.

X