Buon pareggio in casa della Florentia per l’ACF Arezzo (1-1)

FLORENTIA
Valgimigli A., Valgimigli G., Ceci (67’ Lotti- 86’ Bonaiuti), Abati (82’ Mascilli Migliorini), Nencioni, Tona, Nocchi (68’ Gnisci), Tamburini, Vicchiarello, Rodella, Ferrandi (80’ Aliaj)
A disposizione: Leoni, Baroni
Allenatore: sig. Lelli

Acf Arezzo: Antonelli, Arzedi (86’ Prosperi), Teci, Mencucci, Verdi, Di Fiore (75’ Paganini), Aterini, Binazzi, Baracchi, Razzolini, Carta (84’ Zeghini). A disposizione: Brundo, Orsi, Cona, Pastorelli Allenatore: Lorenzini

Arbitro: Sig. Simone Sfirro (sezione di Reggio Emilia)
Assistente 1: Sig. Matteo Marchetti (sezione di Pistoia)
Assistente 2: Sig. Francesco Morelli (sezione di Empoli)

Marcatrici: 26’ Nocchi (F) – 60’ Razzolini (A)
Ammonite: Abati, Valgimigli G., Binazzi

Un punto che ne vale tre. Al ritorno da un match combattuto contro la quotata Florentia, la prima squadra amaranto rientra in terra aretina con il terzo risultato utile consecutivo e l’umore alle stelle per aver fermato sul rettangolo verde una delle squadre candidate alla promozione riscattandosi prontamente dalle sconfitte subite nel corso del primo turno eliminatorio di Coppa Italia.

Con due brillanti successi alle spalle, il tecnico Marx Lorenzini opta nuovamente per un 4-3-3 schierando, fin dal primo minuto, Antonelli tra i pali; Mencucci, Binazzi, Teci e Aterini in difesa; Baracchi, Verdi e Arzedi sulla mediana; e Di Fiore, Razzolini e Carta in fase offensiva.

Il match rivela subito gli equilibri della due compagini in campo. Le locali fanno sfoggio della propria capacità tecnica e di lettura della partita portando l’Arezzo a disputare un primo tempo di sofferenza, giocato al di sotto delle possibilità palesate nelle prime due giornate di campionato. Lungo tutta la durata del primo tempo sono infatti le fiorentine biancorosse a pressare Capitan Teci e compagne nella propria metà campo: al 17’ Abati si rende subito pericolosa, ma l’intervento provvidenziale di Antonelli sventa prontamente la minaccia. Dopo appena due minuti Teci commette fallo al limite dell’area di rigore su Vicchiarello. Il direttore di gara assegna un’insidiosa punizione alle avversarie che, battuta da Ferrandi, finisce però alta sopra la traversa. Al 21’ è nuovamente la retroguardia amaranto a compiere il miracolo: Binazzi salva il risultato rinviando una rischiosa palla volante entrata in area sugli sviluppi di un corner di Vicchiarello. L’insistenza fiorentina trova però sbocco al 26’ con Nocchi, ex capocannoniere amaranto, che con un potente tiro centrale dalla distanza insacca alle spalle dell’estremo difensore aretino portando le locali in vantaggio. A poco serve il tentativo di Carta che dal limite destro dell’area avversaria crossa in cerca di Razzolini: Valgimigli blocca senza impensierirsi troppo.

Nella ripresa l’Arezzo scende in campo con maggiore compattezza e decisa a dare del filo da torcere alle rivali. Dopo un solo minuto dall’inizio del secondo tempo l’Arezzo produce la prima occasione da gol con Di Fiore che, servita da Razzolini, prova a centrare lo specchio della porta trovando però Valgimigli pronta a deviare in angolo. Il pareggio amaranto giunge infatti al 57’ con la solita Razzolini che scavalcando prima la difesa biancorossa, poi il portiere in uscita, trafigge i pali del Florentia riportando il risultato sull’1-1. Determinata a tentare l’impresa, le amaranto sfiorano il sorpasso al 18’: Razzolini parte alla ricerca del bis, ma Valgimigli rialza la testa e trattiene. Visibilmente spiazzata dalla grinta delle ospiti, le ragazze di Lelli reagiscono soltanto al 65’ con Vicchiarello che batte una pericolosa punizione sul primo palo impegnando Antonelli, autrice di una parata da standing ovation. L’ultima occasione di marca amaranto giunge allo scadere del tempo di recupero con la numero nove amaranto che, su assist di Paganini, calcia sola di fronte al portiere biancorosso senza però trovare una conclusione.

Al triplice fischio finale le aretine festeggiano dunque un importante punto messo in cassaforte contro la super favorita fiorentina attestandosi sul secondo gradino del podio (7 punti) in condivisione con le biancorosse di Lelli, e collezionando l’ennesima soddisfazione in vista dell’acceso derby casalingo di domenica prossima contro le storiche rivali del Grifo Perugia.

“Sono molto soddisfatto sia del pareggio di domenica che della crescita mostrata dalla squadra nell’ultimo periodo, la quale lascia ben sperare per il futuro della stagione- spiega il tecnico Marx Lorenzini.- Nel primo tempo una sorta di timore reverenziale ci ha impedito di sfruttare adeguatamente gli spazi e le ripartenze permettendo al Florentia di trovare legittimamente il vantaggio. Nell’intervallo ho però cercato di dare sicurezza alle ragazze e il risultato si è subito visto: un’ottima partenza nella ripresa ci ha permesso di segnare il gol del pareggio e di mettere più volte in difficoltà la difesa avversaria. Le ragazze hanno capito che potevano portare a casa il risultato e, nel secondo tempo, abbiamo anche sfiorato il vantaggio. Sono molto contento dell’Arezzo che ho visto nel secondo tempo perché ha saputo affrontare a viso aperto la squadra più attrezzata del girone che, soltanto un mese fa, le aveva nove gol in due partite. Ora una vittoria potrebbe proiettarci in testa alla classifica perciò nel derby di domenica dobbiamo scendere in campo ben motivati per ottenere il massimo e continuare a sognare”.

X