Berretti sottotono, il Modena domina (0-4)

AREZZO
Ubirti, Ruscetta, Bassini, Battista (C.), Salines, Neri, Xhoan, Sheshi, Caselli, Crocini, Chioccioli (V.C.)
A disposizione: Jashari, Meoni, Mucciarelli, Malaigia, Peppoloni, Ferrante, Napolitano, Boldrini, Bernardini
Allenatore: sig. Andrea Bernini

MODENA
Cheli F., Manfredini, Mineo, Amore, Zironi, Acanfora, Zito, Lugli, Cheli E., Gega, Russo
A disposizione: Perilli, Ferrari, Carroppoli, Melegari, Gonzales, Davitti, Capasso, Tzuetkov
Allenator: sig. Roby Malverti

Arbitro: sig. Carmine Cappetta (Siena)
1° assistente: sig. Luca Boschi (Valdarno)
2° assistente: sig. Enea Furiesi (Empoli)
Recupero: 2’+0′
Marcatori: 3° Zito (M), 18° Acanfora (M), 43° Zito (M), 55° Cheli E. (M)

La formazione Berretti dell’U.S. Arezzo era impegnata questo pomeriggio nel secondo turno di campionato contro i pari età del Modena, sul terreno del Centro Sportivo “Arretium” de La Nave di Castiglion Fiorentino. Mister Andrea Bernini è stato costretto a rinunciare ad alcune delle sue pedine più importanti che sono partite per Vercelli al seguito della prima squadra, oltre a Metolli che è stato convocato in Nazionale per le qualificazioni all’Europeo Under 19. In più il calendario metteva davanti quella che è forse la miglior compagine del girone. La partita è nata subito con il piede sbagliato, perché gli ospiti hanno trovato la rete del vantaggio, che ha messo in discesa la partita, già al 3° minuto con Zito: controllato male ai 25 metri un passaggio in orizzontale dalla sinistra, l’esterno ha tentato una difficile conclusione al volo di collo sulla pressione della difesa amaranto, indovinando una traiettoria beffarda che ha trovato l’angolo alto alla sinistra di Ubirti. La reazione amaranto è stata immediata ma senza la necessaria lucidità,, con il Modena che a quel punto poteva giostrare in contropiede. In una di queste occasioni i difensori amaranto hanno dovuto chiudere in angolo, che ha poi originato il raddoppio: traversone troppo lungo dalla bandierina, contro cross dal secondo palo e incornata vincente di Acanfora, che da pochi passi ha girato nell’angolo. La pressione amaranto è ripresa come dopo il primo goal, ma Cheli non ha corso particolari rischi, mentre Ubirti si è dovuto esibire in un grande intervento a chiudere una conclusione ancora di Zito, al termine di un’azione solitaria. In chiusura di frazione è arrivata anche la terza rete dei gialloblù: ancora una rapida ripartenza dopo una palla persa a centrocampo, traversone radente dalla destra di Cheli e piattone a colpo sicuro da pochi passi ancora di Zito, autore di una doppietta. Nella ripresa la musica non è cambiata, con l’Arezzo a caccia fin da subito della rete che avrebbe potuto riaprire la gara, fino al goal del definitivo 4-0 del Modena che, di fatto, ha messo la parola fine alla gara: pallone sfuggito a Ubirti dopo una difficile uscita bassa a centroarea su un traversone insidioso dall destra, controllo e goal a porta vuota di Cheli, a cui era destinato il pallone su cui era uscito l’estremo difensore amaranto. I cambi non sono serviti a cambiare l’inerzia di una gara ormai sotto controllo per gli ospiti.

X