Pareggio interno con l’Imolese per l’ACF Arezzo (0-0)

ACF Arezzo: Antonelli, Arzedi, Aterini, Baracchi (84’ Mazzini), Teci, Zeghini, Mencucci, Verdi, Di Fiore, Mattiacci, Casula. A disposizione: Cherici, Paganini, Torrioli, Pesci, Celi. Allenatore: Manuela Tesse.

Imolese CF: Pignaioli, Marini, Baharavand, Querzola, Lenzi, Polidori, Dedeo (64’ Finotello), Giovannini, Lazzaro (66’ Iraci), Papa, Purificato (89’ Manara). A disposizione: Greco. Allenatore: Ademaro Mosconi.

Ammonite: Querzola (I), Baracchi (A).

Arbitro: Sig. Alessio Angiolari (sezione di Ostia Lido).
Assistente 1: Sig. Leone Gimignani (sezione di Firenze) – Assistente 2: Sig. Annalisa Cauteruccio (sezione di Firenze).

AREZZO- Per la prima squadra amaranto il girone d’andata si chiude con un pareggio a reti bianche. Un risultato giunto al termine di un match al cardiopalma che ha visto l’Arezzo farsi autrice di un’ottima prestazione senza però riuscire a centrare la prima vittoria casalinga.

Nella splendida cornice dei Lorentini, animata da una coreografia di palloncini amaranto e dalla presenza delle baby atlete della scuola calcio e dei bambini della Scuola elementare Pio Borri, il tecnico Manuela Tesse, orfano di alcuni importanti elementi, mette nuovamente mano alla formazione affidando a Capitan Teci, da poco rientrata dall’infortunio, l’inedito ruolo di punta centrale. L’incontro parte subito a ritmi elevati mostrando un’Arezzo particolarmente aggressiva nei confronti di un’Imolese intenta a chiudersi nelle retrovie. La prima occasione di marca amaranto giunge al 5’ con Di Fiore che, servita da Mattiacci, tenta di andare a segno senza però concretizzare. Al 9’ Lenzi atterra una giocatrice aretina: a battere la punizione è Zeghini che sferra un bel colpo prontamente respinto dal muro rossoblu. L’Imolese prova quindi ad assumere le redini della gara grazie a Lazzaro che, in risalita da centrocampo, mira la porta locale trovando però Antonelli pronta a sventare la minaccia. Al quarto d’ora l’arbitro assegna una nuova punizione alle aretine dal limite dell’area piccola, ma neppure stavolta il tiro di Zeghini non trova l’incrocio dei pali. Dopo due corner sfortunati, calciati in successione da entrambe le squadre, al 26’ le locali sfiorano nuovamente il vantaggio con Baracchi che, su assist di Mencucci, tenta di trafiggere la porta ospite lanciando però la sfera sopra la traversa. L’Arezzo non si arrende e prova a volgere a proprio favore la sfilata di occasioni che riesce a creare: al 37’ è infatti la volta di Teci che, intervenendo su un forsennato batti e ribatti sotto porta, calcia con forza verso la rete imolese senza però centrare l’obiettivo. Al 43’ la mano passa alle emiliane, ma Lazzaro, incaricata di battere la punizione, lancia la palla dritta tra le braccia di Antonelli. Allo scadere del primo tempo è invece l’Arezzo a rendersi ancora pericolosa, prima con Casula e poi con verdi che, recuperando un pallone spedito al centro da Mencucci, mira la rete senza però finalizzare.

Anche nella ripresa le padrone di casa non sembrano volersi risparmiare e costringono le avversarie nella loro metà campo. Al 51’Pignaioli viene subito messa alla prova con una bella punizione di Casula che l’estremo difensore rossoblu para a fatica. Ritenta subito Verdi, ma la diagonale del numero 10 amaranto finisce per lambire il palo sinistro. Al 62’ è Mattiacci a impensierire il portiere imolese: servita da Arzedi, l’attaccante aretina calibra il tiro, ma il provvidenziale intervento di Pignaioli spegne nuovamente gli entusiasmi della tifoseria locale. Dopo un insidioso lancio di Finotello magistralmente parato da Antonelli, l’Arezzo si procura una triplice occasione dalla bandierina, ma i corner di Mattiacci, Aterini e Casula non trovano mai la rete. Al 74’ è ancora Teci a spaventare la difesa ospite, ma Pignaioli non abbassa la guardia e blocca in uscita il tiro del capitano amaranto, il quale invano ci riprova sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Zeghini. All’80’ è invece la volta di Verdi che, dalla distanza, tenta il tutto per tutto senza però intimorire Pignaioli. A nulla servono il bel tiro sferrato all’86’ dalle neoentrata Mazzini e i quattro minuti di recupero assegnati dal direttore di gara: al triplice fischio finale le ragazze di mister Tesse spartiscono il bottino con l’Imolese salutando il girone d’andata a quota 17 punti sul settimo gradino del ranking generale.

“Ancora una volta abbiamo rimandato l’appuntamento con la prima vittoria casalinga – dichiara la il difensore amaranto Giorgia Casula.- Contro l’Imolese abbiamo forse giocato la migliore partita dall’inizio del campionato: abbiamo dato qualcosa in più rispetto alle nostre avversarie, ma evidentemente non è bastato a vincere l’incontro. Siamo però soddisfatte perché abbiamo davvero espresso un buon calcio e vedere gli spalti dei Lorentini gremiti di tifosi è stata davvero una grande emozione. Abbiamo sentito il calore della piazza e questo ci servirà da stimolo per preparare al meglio l’incontro della prossima settimana contro la capolista Vittorio Veneto”.

X