L’ACF Arezzo in trasferta a Sassuolo

Forti della vittoria esterna dei domenica scorsa contro il Gordige, la prima squadra dell’Arezzo Calcio Femminile torna a scendere in campo per la terza trasferta consecutiva. Un match davvero impegnativo che le amaranto di Nazzarena Grilli affronteranno con tutta la grinta di cui sono capaci.

In calendario domenica 12 marzo, la diciottesima giornata del Campionato nazionale di Serie B riserva alle aretine la difficile sfida contro il Sassuolo Calcio Femminile, attuale seconda forza del girone B. Fischio d’inizio posticipato alle ore 16.30 e una scenografia di tutto rispetto per il big match dell’Arezzo in terra emiliana: la partita contro la vicecapolista sarà infatti il main event di una giornata di iniziative sportive dedicate alla Giornata Internazionale della Donna e verrà disputato allo Stadio “Enzo Ricci”, storica struttura dove il Sassuolo ha giocato gli incontri precedenti alla sua consacrazione in Serie A e alla realizzazione del Mapei Stadium. Reduci dal successo dello scorso weekend, ottenuto a Cavarzere nel recupero del quindicesimo turno, Capitan Teci e compagne si attestano adesso sull’ottavo gradino del ranking generale tornando ad agganciare le dirette avversarie della Federazione Sammarinese a quota 21 punti. Non cade invece da tredici turni il Sassuolo Calcio Femminile che, dall’alto delle sue 42 lunghezze, prosegue indisturbato la propria cavalcata in testa alla classifica prendendo parte ad un instancabile duello con la prima della classe vittorio Veneto. Quello che si profila all’orizzonte sarà dunque un incontro senza esclusioni di colpi che potrà però far emergere il reale percorso di crescita che il team amaranto ha intrapreso, con risultati sorprendenti nel corso della stagione.

“La prestazione dello scorso weekend in suolo veneto ha mostrato diversi spunti interessanti e notevoli miglioramenti, frutto del duro lavoro svolto con le ragazze nelle ultime settimane- spiega il tecnico Nazzarena Grilli.- Il Sassuolo è una squadra ben attrezzata e composta da individualità importanti; tuttavia non dobbiamo partire scoraggiate, ma giocare il match magari con la voglia di tentare l’impresa.”

X