Giornata amara per le ragazze dell’ACF Arezzo in casa del Marcon (3-2)

Marcon FC
Pinel, Biban, Baldassin, Sabbadin, Malvestio, Ruggiero (46’ Tasso), Zuanti, Stefanello, Roncato, Marangon, Battaiotto
A disposizione: Tagliapietra, Battiva, Tagliati, Padoan
Allenatore: Maurizio Semenzato

ACF Arezzo
Antonelli, Teci, Zeghini, Mencucci, Verdi, Di Fiore, Mazzini (56’ Arzedi), Mattiacci, Casula (85’ Frosecchi), Baracchi (73’ Prosperi), Nocchi
A disposizione: Torrioli, Pesci
Allenatore: Nazzarena Grilli

Arbitro: Sig. Fabian Brognati (sezione di Ferrara).
Assistente 1: Sig. Alberto Cretì (sezione di Mestre) – Assistente 2: Sig. Nicolò Monetti (sezione di Mestre).
Ammonite: Malvestio (M), Stefanello (M), Baldassin (M), Di Fiore (A)
Espulse: Roncato (M)
Marcatrici: 3’ Marangon (M)- 44’ e 80’ Di Fiore (A) – 58’ Zuanti (M) – 79’ Battaiotto (M)

Giornata decisamente amara per la prima squadra dell’Arezzo Calcio Femminile: nel settimo turno del girone di ritorno le ragazze di mister Grilli escono infatti dal campo del quotato Marcon a bocca asciutta perdendo senza demerito un match che, per i valori espressi, sarebbe dovuto terminare in pareggio.

Con tutta la rosa a disposizione, il tecnico amaranto Nazzarena Grilli ripropone lo schema dello scorso weekend con Antonelli tra i pali; Zeghini, Teci, Mencucci e Casula in difesa; Baracchi, Verdi, Mattiacci e Mazzini a centrocampo; e Nocchi e Di Fiore in attacco. A causa della pioggia e di un campo da gioco in pessime condizioni, la gara mostra fin da subito le sue insidie facendosi, dopo soli tre minuti, beffa dell’Arezzo: Antonelli cerca di bloccare in uscita un tiro di Marangon dalla distanza, ma il controllo della sfera sfugge al portiere amaranto dando all’attaccante veneto l’opportunità di centrare il bersaglio grosso portando le padrone di casa in vantaggio. Capitan Teci e compagne non si scoraggiano e si portano in avanti chiudendo le avversarie nella propria metà campo. Al 15’ Mazzini prova a bilanciare il risultato dal vertice sinistro dell’area piccolo trovando però il portiere marconese sull’attenti; non conclude neppure Zeghini che, al 21’, lambisce il palo su calcio di punizione. L’occasione si ripresenta al 24’ con Casula che, provando ad intervenire su una respinta della difesa locale, indirizza la sfera dritta tra le braccia di Pinel. Salgono dunque in cattedra le ospiti, decise a non chiudere il primo tempo in svantaggio: al 33’ è la volta di Verdi che, servita da Mattiacci, spara alto sopra la traversa. Il pareggio amaranto arriva soltanto al 44’ con un eurogol di Di Fiore che, con rapidità e precisione, trova l’angolino spiazzando l’estremo difensore di casa.

Fortemente condizionata dal vento e da un arbitraggio talvolta indecifrabile, la ripresa si apre con il raddoppio del Marcon che va in gol grazie alla prontezza di Zuanti, brava a sfruttare l’assist di Marangon, insaccando alle spalle di Antonelli. Con il vento a sfavore l’Arezzo cerca ugualmente di portarsi avanti creandosi numerose occasioni tra cui una bella punizione di Teci che purtroppo si conclude con un nulla di fatto. Al 79’ sopraggiunge il tris delle locali con Battoiotto che, su cross di Roncato, riesce a trovare l’incrocio dei pali. Passano pochi secondi e le aretine accorciano immediatamente le distanze: Mencucci crossa in area, la difesa veneta prova a disimpegnare, ma Di Fiore interviene firmando la seconda rete amaranto. L’Arezzo sale dunque in cattedra e cerca il pareggio prima con un potente tiro dalla distanza di Verdi e poi con Isotta che tenta invano di concludere dopo aver dribblato tutta la difesa locale. L’opportunità di pareggiare arriva allo scadere del tempo: il direttore di gara assegna un discusso rigore all’Arezzo, ma Pinel compie il miracolo parando il difficile penalty calciato da Capitan Teci. Al triplice fischio dell’arbitro l’Arezzo torna negli spogliatoi con la sporta vuota, uscendo sconfitte da uno dei migliori incontri disputati nell’arco di tutta la stagione e bloccando la propria cavalcata sull’ottavo gradino del ranking generale.

“Le ragazze hanno disputato un ottimo incontro. – dichiara la presidente Chiara Tavanti.- Hanno mostrato tenacia, voglia di riuscire e soprattutto prontezza di reazione. Malgrado il vantaggio del Marcon e qualche piccolo errore, l’Arezzo ha dimostrato in più di un’occasione di non volersi arrendere e di saper fronteggiare le difficoltà dovute da fattori esterni, quali le avverse condizioni meteorologiche e un campo ai limiti della praticabilità. Adesso dobbiamo concentrarci e cercare di bissare il successo casalingo della scorsa settimana nel match di domenica prossima contro l’Udinese”.

X