Arezzo Femminile: sconfitta a San Marino alla ripresa del campionato

Marcatrici: 48’, 55’,70’ Dulbecco – 79’ Verdi

Federazione Sammarinese
Giorgi, Nicolini Micciarelli, Montalti, Paganelli, Cascapera (46’ Innocenti), Dulbecco, Canini, Franchi (78’ Menin), Prenga (62’ Rossi), Albonetti
A disposizione: Guidi, Pozzi, Casali, Fratti
Allenatore: sig. Mirco Balacich.

Acf Arezzo
Antonelli, Casula, Aterini, Teci, Mencucci (60’ Tellini), Baracchi, Verdi, Arzedi, Di Fiore (77’ Mattiacci), Nocchi, Mazzini (56’ Paganini)
A disposizione: Cherici, Zeghini, Torrioli, Pesci
Allenatrice: sig.ra Manuela Tesse.

Ammonite: Montalti (Fed. Sammarinese)
Espulse: Verdi (Arezzo)

Arbitro: Sig. Simone Pistarelli (sezione di Fermo)
Assistente 1: Sig. Franc Baruti (sezione di Rimini) – Assistente 2: Sig. Andrea Zaghini (sezione di Rimini)

Riparte con un’amara sconfitta la Serie B amaranto. Domenica 30 ottobre, al campo della Dogana di San Marino, le ragazze di Manuela Tesse incassano la seconda caduta stagionale perdendo 1-3 sul campo della Federazione Sammarinese femminile, anch’essa neopromossa nella cadetta. Un match sofferto che ha visto le aretine esprimere un buon gioco senza però concretizzare. Sin dal primo minuto mister tesse opta per un modulo 4-3-2-1 schierando in campo Antonelli tra i pali; Casula, Teci, Aterini e Mencucci in difesa; Arzedi, Verdi e Baracchi a centrocampo; ed infine Nocchi, Di Fiore e Mazzini a formare il reparto offensivo.

L’inizio della gara è caratterizzato da due goal del San Marino (di cui si fa autrice Dulbecco) annullati per netta posizione di fuorigioco. Molte le occasioni anche per l’Arezzo che ci provano prima con Nocchi e Di Fiore e poi con Baracchi che, dalla distanza, mira il centro senza però ingannare l’estremo difensore locale. Alla mezz’ora le amaranto sembrano compiere l’impresa: Mazzini sbuccia letteralmente la palla per Nocchi che entra in area, ma spreca. Al 33’ è invece Montalti del San Marino a intervenire sulla palla facendo cadere Nocchi sulla trequarti sammarinese: il direttore di gara ammonisce il difensore di casa e sulla punizione si presenta Teci che, con un potente tiro sotto la traversa, impegna seriamente Giorgi, pronta a salvare il risultato. Sul finire del primo tempo anche le ragazze di Balacich conquistano una punizione dal limite dell’area: sulla schema Dulbecco segna, ma la sua posizione viene giudicata aldilà della linea difensiva aretina tanto che l’assistente annulla il terzo gol.

Al termine della pausa il San Marino torna in campo più agguerrito e a tre minuti dall’inizio della ripresa, sfruttando l’assist di Albonetti, Dulbecco riesce ad ingannare Antonelli mettendo a segno la rete dell’1-0. Immediata la risposta aretina: Casula prova a recuperare le avversarie con una potente conclusione che mette alla prova i riflessi di Giorgi, senza però ottenere risultati. Al 55’ arriva invece il raddoppio sammarinese sul più classico dei contropiedi: Mazzini sbaglia clamorosamente l’appoggio per Casula, passando la palla alla solita Dulbecco che, ritrovandosi davanti una prateria, entra in area e trafigge il portiere amaranto in diagonale. Al 70’ le padrone di casa mettono in cassaforte il match con Dulbecco che firma una personale tripletta con un tiro che batte sul palo per poi finire in rete. Decisa a non demordere l’Arezzo tenta di accorciare le distanze con Nocchi e Di Fiore da distanza ravvicinata, ma il goal della bandiera arriva soltanto al 79’ con Verdi che trova una bella e precisa conclusione sotto la traversa dove il portiere sammarinese non può nulla. La stessa Verdi verrà costretta, dopo pochi minuti, a dirigersi negli spogliatoi lasciando l’Arezzo in dieci. A poco servono però i minuti di recupero assegnati dall’arbitro, la prima squadra amaranto torna a casa con la sporta vuota e una dodicesima posizione in classifica, in attesa del prossimo impegno casalingo contro il Padova Femminile, terza forza del girone.

X